Episodio 35: Perché diciamo così?

Livello: B1-B2
Serie: 🗣 Lingua

🇮🇹 Scopriamo qual è l’origine di alcune parole e modi di dire italiani: “Piantare in asso”, “Ovazione”, “Fare fiasco”, “Ciao”… Perché diciamo così?

🇬🇧 Let’s find out the origin of some Italian words and idioms: “Piantare in asso”, “Ovazione”, “Fare fiasco”, “Ciao”… Where these expressions come from?


Trascrizione

Ciao! Ciao… ciao… Ora che ci penso, in moltissimi paesi si usa questa parola italiana per salutare qualcuno! Vi siete mai chiesti perché diciamo così? Qual è l’origine della parola “ciao” e qual è dunque il suo vero significato? Io sì e, se volete, lo svelerò anche a voi, ma alla fine di questo nuovo episodio del podcast di Italianglot, il podcast che vi aiuta a migliorare il vostro italiano e a conoscere un po’ meglio l’Italia e gli italiani. Oggi, come avete capito, ci concentreremo allo stesso tempo sia sulla lingua italiana in sé – perché vi spiegherò il significato di diversi modi di dire molti comuni – sia sulla cultura italiana – perché vi racconterò l’origine di ognuno di questi modi di dire. Spesso i modi di dire, i proverbi e le espressioni di una lingua derivano da tradizioni antiche, come quelle dei contadini o degli artigiani di un tempo; a volte derivano da favole, da leggende o da racconti popolari; altre volte da fatti storici o episodi che si sono realmente verificati tantissimo tempo fa. Ecco, oggi parleremo di tutte queste cose.
Prima di cominciare, ricordatevi che potete trovate la trascrizione e la spiegazione dettagliata dei vocaboli di questo episodio sul mio sito italianglot.com, dove potete scaricare, se volete, anche un test di comprensione e diversi esercizi sul vocabolario e su alcuni argomenti di grammatica.

IN QUESTO EPISODIO TROVERAI:

📌 la trascrizione completa 
📌 il vocabolario spiegato in italiano e in inglese  
📌 1 test di comprensione
📌 4 esercizi sul vocabolario
📌 1 esercizio sul congiuntivo e sul condizionale
📌 flashcard già pronte da importare nella tua app per flashcard


NOTE

2 thoughts on “35: Perché diciamo così?”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *